Corteo per Alika

Rose bianche in mano e t-shirt verdi e bianche con il volto di Alika: un corteo ordinato di circa 300 persone, provenienti da tutta Italia, si è mosso alle 14,20 dallo Stadio guidato da un coro unanime che chiedeva al megafono, in italiano ed inglese: “Cosa vogliamo? Giustizia per Alika”.
Così ad una settimana di distanza, la città ha ricordato Ogorchukwu, l’ambulante ucciso in pieno giorno in Corso Umberto I. Ora si attende la data del funerale.
In prima fila tra i manifestanti, scortati ai quattro lati del percorso dalle forze dell’ordine, Charity, la vedova in maglia nera con la scritta bianca Justice for Alika insieme ai fratelli di Alika e ai rappresentanti del coordinamento anti-razzista italiano.
Il sindaco Fabrizio Ciarapica si è ritrovato allo Stadio, insieme al vicesindaco Claudio Morresi e all’assessore Roberta Belletti, per rappresentare tutta Civitanova Marche in questa giornata di condivisione, in nome della giustizia e della pace sociale richiesta dalla comunità nigeriana, capitanata da Sammy Kunoun. Diversi anche i rappresentanti del Consiglio comunale, partiti di maggioranza e di minoranza, i parlamentari Matteo Orfini e Francesco Verducci, la deputata Mirella Emiliozzi, e l’ex consigliere comunale Giulio Silenzi.
Dopo corso Vittorio Veneto, le persone hanno raggiunto piazza XX Settembre dove si sono susseguiti gli interventi.
“E’ bello vedere tanta partecipazione oggi, di tutte le etnie, tanta gente e tutti fratelli – ha detto il sindaco Ciarapica nel suo saluto. Civitanova Marche non è una città razzista e tantomeno indifferente o insensibile. La nostra comunità è accogliente, ospitale e aperta e ha sempre lavorato per la pacifica convivenza, qui lavorano tante persone straniere, qui vanno a scuola i loro figli insieme ai nostri figli. La nostra unica bandiera è quella della pace e condanniamo ogni gesto di violenza; non ci riconosciamo in questo fatto atroce che c’è stato. Ci siamo immediatamente attivati, dal giorno successivo, costituendo un fondo per dare un aiuto immediato alla famiglia di Alika per consentire il pagamento delle spese funerarie; allo stesso tempo stiamo lavorando con il Comune di San Severino Marche per dare una vicinanza prolungata nel tempo. Non dimentichiamo Alika, la sua famiglia e suo figlio Emmanuel. Le differenze sono un valore aggiunto, che favorisce la crescita sociale e la civiltà. Rinnovo a nome di Civitanova Marche le condoglianze a tutta la famiglia di Alika che non dimenticheremo”.

La manifestazione si è conclusa alle ore 17,00, mentre un altro corteo, in autonomia, è partito un’ora dopo con un centinaio di manifestanti che hanno scelto come presidio il vialetto sud e poi corso Umberto.

Questo è il messaggio dell’Ambasciata di Nigeria in Italia:

“A seguito delle informazioni di stampa del 30 Luglio relative allo sfortunato omicidio di un nigeriano Alika Ogorchukwu, a Civitanova del 29 luglio 2022, la Comunità nigeriana in Italia ancora una volta continua a rimanere calma e rispettare la legge. Prende atto della risoluzione del conflitto e del meeting di costruzione di pace tenuto il 2 agosto tra l’Ambasciata e le autorità italiane.
I rappresentanti ufficiali del governo italiano presenti hanno assicurato all’ambasciata che sarà fatta giustizia. Compensi finanziari sono stati immediatamente messi a disposizione da parte delle autorità locali sotto forma di welfare alla famiglia.
Colui che ha commesso il crimine, Giuseppe Ferlazzo, è stato rapidamente catturato e arrestato dai servizi di sicurezza italiani ed è attualmente in prigione. Utilizziamo inoltre questo appello mediatico per fare un appello a tutta la popolazione nera africana in Italia, sebbene possa essere arrabbiata, di rimanere calma e paziente. Alika Ogorchukwu è stato una persona di pace per tutta la sua vita, quindi lasciamo che la pace regni e che la giustizia faccia il suo corso”.

Contenuto inserito il 06/08/2022
torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto
Questo sito è realizzato da Task secondo i principali canoni dell'accessibilità