Civitanova apre le porte ai richiedenti asilo e ai rifugiati politici afgani che stanno scappando dalla terribile tragedia messa in atto dai Talebani

‘Civitanova Marche offre la propria disponibilità  alla tragedia che ha colpito l’Afganistan per mano dei Talebani e aprirà le porte alla popolazione che è costretta a scappare da una così grave e terribile tragedia’. Così il Sindaco Fabrizio Ciarapica in merito alla eventuale distribuzione di nuclei familiari ai Comuni come da indicazioni del Ministero dell’Interno e quindi della Prefettura.

Da giovedì infatti il Sindaco Ciarapica ha avuto diverse interlocuzioni con il Prefetto di Macerata e già l’Assessore alla Sicurezza, Giuseppe Cognini, ha partecipato al comitato per l’ordine e la sicurezza organizzato dalla Prefettura in cui si è data la massima disponibilità ad accogliere al meglio i richiedenti asilo e i rifugiati politici che, grazie alla regia del Ministero dell’Interno coadiuvato dal Ministero della difesa, ha già fatto entrare nel nostro Paese – in sicurezza – circa 5000 afgani.

‘Le distribuzioni territoriali ancora non sono chiare tanto che sembra affacciarsi all’orizzonte un decreto governativo ad hoc per creare tutte le condizioni per una accoglienza che non sia solo temporanea come sta già accadendo nel campo di Avezzano con i tendoni della Croce Rossa e in altri punti di prima ospitalità -ha continuato il Sindaco Ciarapica – ma sia strutturata e a più lungo periodo per trovare un sistema di sostegno concreto che consideri ogni forma di inclusione: da quella residenziale a quella sanitaria e a quella scolastica’.

‘Siamo in attesa di dati certi da parte della Prefettura sul numero dei nuclei che verranno distribuiti dallo stato centrale prima in Regione e poi alle Province ed infine ai Comuni, per rimboccarci le maniche insieme attivando ogni canale possibile di solidarietà’.

‘La nostra maggioranza ed io siamo pronti a fare la nostra parte e anzi auspico il coinvolgimento fattivo di tutte le forze politiche comprese quelle di opposizione per arrivare a posizioni condivise e affrontare insieme questa drammatica emergenza’.

‘Noi ci saremo – ha concluso il Primo Cittadino – e lo faremo con grande umanità e senso di generosità che ci contraddistinguono non appena arriveranno indicazioni puntuali’.

 

 

 

Contenuto inserito il 30/08/2021

Informazioni

Nome della tabella
Autore Claudia Baiocco

torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto
Questo sito è realizzato da Task secondo i principali canoni dell'accessibilità