Celebrato il 19° Anniversario della Strage di Nassiriya in cui persero la vita nella Missione di Pace 19 italiani. Presenti, oltre all’Amministrazione comunale, il Prefetto Flavio Ferdani, il Vicario del Questore, Rocco Carrozzo e due scuole medie cittadine, la Pirandello e l’Annibal Caro con oltre 50 studenti.

L’Amministrazione comunale, in collaborazione con L’associazione Nazionale Carabinieri (ANC) ha celebrato questa mattina il 19° anniversario della Strage di Nassiriya e la Giornata del ricordo dei Caduti militari e civili nelle missioni internazionali per la pace nella piazza cittadina dedicata.

Dopo l’Alzabandiera, gli Onori ai caduti in cui sono stati letti tutti i nomi delle vittime nella strage del 2006 e la deposizione della corona d’alloro, è stato il momento degli interventi.

Il sindaco Ciarapica ha ricordato il sacrificio delle vittime e l’importanza dei contingenti di pace nel mondo che hanno la finalità di garantire diritti: democrazia e assistenza materiale e non solo morale alle popolazioni martoriate da guerre e da totalitarismi, elogiando i militari italiani che sopra tutti si distinguono per umanità, tratto riconosciuto unanimemente da tutte le popolazioni assistite.

Ha proseguito poi nel suo intervento. “Sono dispiaciuto per l’abbandono dei corpi di pace che lo scorso anno è stato effettuato dall’Afganistan facendo ritornare in quel paese una feroce dittatura e soprattutto una forte regressione dei diritti delle donne. Sono, invece, molto preoccupato per l’attualità e per il conflitto alle porte della nostra Europa, in Ucraina, dove è in atto una guerra che sta avendo echi in tutto il mondo. Il nostro Paese è uno di quelli che particolarmente stanno avendo maggiori esiti negativi a causa di problemi legati all’energia con conseguenze sulla tenuta sociale del Paese e che sta causando una ulteriore crisi economica”.

“Il mio auspicio è che ci sia presto un’azione diplomatica forte che faccia cessare in fretta questa guerra che potrebbe avere ripercussioni tragiche in tutto il mondo”.

Ha proseguito poi con “il ringraziare i militari italiani e tutte le Forze dell’Ordine, donne e uomini, impegnati sia dentro che fuori dai nostri confini nazionali, è per noi un dovere e farlo insieme ai nostri studenti è ancora più importante”.

“E’ questo – ha concluso Ciarapica – un dialogo fra Amministrazione e scuole che deve sempre rimanere aperto e costante, i giovani rappresentano la nostra memoria e senza la memoria non può esserci futuro ”.

Il secondo intervento è stato quello dell’Assessore ai Servizi Sociale e all’Istruzione riferendosi agli “eroi caduti in quella strage di diciannove anni fa”. Poi rivolgendosi ai ragazzi ha dichiarato “bisogna soffermarsi sulla parola ‘eroi’, gli eroi non sono solo quelli che muoiono nei conflitti ma anche quelli che vivono da eroi come tutti quei giovani militari che svolgono la propria attività con grande senso del dovere”.

“Eroi – ha continuato rivolgendosi alle autorità militari – sono anche tutte le Forze Armate presenti qui”.

Poi è stata la volta del Col. Nicola Candido, Comandante provinciale dell’Arma dei Carabinieri, che ha ricordato la partecipazione del Comandante dei Carabinieri di Civitanova Marche, Massimo Amicucci che in questo momento è anche lui impegnato in una missione di pace nei Balcani per poi ricordare alcuni passi di un discorso recente di Papa Francesco sulla guerra in corso.

Significativi e molto toccanti gli interventi degli studenti delle due scuole medie che hanno anche suonato dei brani. Gli studenti dell’Annibal Caro  hanno declamato poesie, incentrate sui valori umani, di Dacia Maraini, Erri De Luca e Mariangela Gualtieri, mentre l’Istituto Pirandello ha posto l’accento sulla parola ‘pace’ che come da dizionario è contraria al ‘pregiudizio’ e alla discriminazione in un mondo in cui il diverso non viene eliminato con l’esplosivo ma incluso con il rispetto.

Una manifestazione quella di oggi molto partecipata con la massima rappresentanza delle Autorità Civili e Militari. Per la l’Amministrazione, oltre al Sindaco Fabrizio Ciarapica, sono stati presenti: il vice sindaco Claudio Morresi, il Presidente del Consiglio, Fausto Troiani, l’Assessore ai Servizi sociali e all’Istruzione, Barbara Capponi, gli assessori Roberta Belletti e Giuseppe Cognigni.

Presenti anche tutte le massime autorità militari locali, oltre al Colonnello Nicola Candido, Comandante provinciale Arma dei Carabinieri, hanno partecipato: il Prefetto Flavio Ferdani, il Vicario del Questore, Rocco Carrozzo, la Signora Giovanna Paolone Piermanni, portatrice della Medaglia d’Oro al Valor Militare alla Memoria al Maresciallo capo Sergio Piermanni, il Presidente dell’ANC, Roberto Ciccola, il Commissario della Polizia di Stato, Fabio Mazza, il Vice comandante della Guardia di Finanza, Cristian Giannini, il Capo Squadra dei Vigili del Fuoco, Alfredo Schiavoni e tutte le Associazioni combattentistiche: Bersaglieri, Finanzieri, Alpini, Marinai e UNUCI (Unione Nazionale Ufficiali in Congedo).

 

Claudia Baiocco

Staff del Sindaco

 

 

 

 

Contenuto inserito il 15/11/2022
torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto
Questo sito è realizzato da Task secondo i principali canoni dell'accessibilità